L'arte nella storia: 600 a.C. - 2000 d.C.

L'arte nella storia: 600 a.C. - 2000 d.C.

Martin Kemp

Language: Italian

Pages: 122

ISBN: 2:00360598

Format: PDF / Kindle (mobi) / ePub


L’arte non è sospesa nel vuoto. Come scriveva T.S. Eliot, «quel che accade quando viene creata una nuova opera d’arte accade simultaneamente anche a tutte le opere che l’hanno preceduta». Ogni tassello che si aggiunge all’immenso patrimonio artistico dell’umanità ridefinisce la storia stessa e mette in prospettiva diversa ciò che era già stato creato. Arte e storia, uomini e capolavori, sono un tutt’uno nel fluire del tempo.
Tenendo tutto ciò sempre ben presente, Martin Kemp ha scritto questo impeccabile compendio di storia dell’arte, un’illuminante introduzione da cui partire per intuire la complessità della nostra immensa tradizione pittorica e scultorea.
Dalla Grecia di Fidia agli affreschi pompeiani, dai mosaici bizantini all’incredibile Medioevo italiano, alla ritrattistica olandese, al Rinascimento e al Barocco; da Vermeer a Canaletto, da Goya a Turner, dalla scuola ottocentesca francese fino alla rottura novecentesca degli schemi, per giungere alle ultimissime installazioni artistiche a cavallo del millennio.
Questo breve libro, incredibilmente denso di idee, è un meraviglioso tour de force artistico, ben congegnato, elegante e godibile: un libro prezioso e necessario per immergerci nella bellezza del nostro mondo.

Leonardo da Vinci: A Life (Penguin Lives Biographies)

Sargent (Art dossier Giunti)

Goya

Lee Lozano: Dropout Piece (One Work Series)

Composition with Cat: Lost Masterpieces of the Twentieth Century

Garo Z. Antreasian: Reflections on Life and Art

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

l’aggiunta di alcuni quadretti dedicati alle città olandesi più importanti. Il quadro di Vermeer è uno studio approfondito sugli atti della visione e della rappresentazione, ma vuol essere anche una fresca dimostrazione dell’arte �galante» della pittura. Vermeer dipinse fino alla morte ed è evidente che la pittura significava molto per lui. Nondimeno non si deve pensare che quando lavorava indossasse abiti così eleganti e non avesse con sé il solito assembramento di materiali per la pittura.

studi a olio sullo stesso soggetto, alcuni proprio in funzione del Carro da fieno, altri indipendenti. In particolare realizzò, con tecnica libera, uno studio a misura intera per mettere a punto tutti gli effetti tonali e cromatici dell’opera. Nella versione definitiva l’unico cambiamento di rilievo, rispetto alla prova, fu l’eliminazione di una figura e di un cavallo a sinistra del cane. C’è stata la moda di preferire lo studio a misura intera all’opera finita, ma ciò significa travisare

prematuramente �la fine della pittura»). L’arte postmoderna è caratterizzata dalla glorificazione ironica di ciò che è �popolare» e da un forte interesse per il commento sociale piuttosto che per l’«estetica». Spesso adopera le parole come fossero immagini e l’arte sull’arte vi abbonda, così come le citazioni visive e il pastiche. Vi si trovano anche molti scherzi visuali, spesso di grande formato e di scarso significato. Ci troviamo di fronte a una gamma stupefacente di generi, che vanno dalla

EOiaEDrqVLQ Il Rinascimento: www.youtube.com/watch?v=vHxLBiPQlfg Le istituzioni artistiche: www.youtube.com/watch?v=_S1yN3omdlk Note 1. T. S. Eliot, La tradizione e il talento individuale, in Id., Il bosco sacro. Saggi sulla poesia e la critica, Bompiani, Milano 1985, p. 70 (ed. or. 1921). 2. Gaio Plinio Secondo, Storia naturale, XXXV, 60, 67, 73, 79, ed. it. a cura di A. Corno, R. Mugellesi e G. Rosati, Einaudi, Torino 1988, vol. 5, pp. 355, 357, 365, 367, 371, 373, 377, 379. 3. A. N.

colorati con vernice smaltata. Riccardo, che nel corso delle sue avventure in terra di Francia aveva potuto conoscere bene gli splendori visivi commissionati dai nobili borgognoni, non volle essere da meno. 17. Tomba di Riccardo di Beauchamp, tredicesimo conte di Warwick, ottone e pietra, 1448-53, Warwick, chiesa di Santa Maria. Più oscure sono le circostanze che circondano il nostro secondo esempio di tardogotico �cortese». La celebre serie di sette arazzi della Caccia dell’unicorno, ora a

Download sample

Download